I dati sui contagi nelle scuole italiane ottenuti da Wired

Il sito Wired, tramite il Miur è riuscito ad avere i dati di studenti e lavoratori della scuola italiana risultati positivi al Sars-Cov-2. Grazie a questi dati, Wired ha potuto costruire questa mappa, che mostra l’incidenza dei contagi su base provinciale.

Il colore di ogni provincia è più scuro quanto più alta è l’incidenza dei contagi sulla popolazione scolastica composta da studenti e lavoratori scolastici.
Nella mappa non sono presenti la Valle d’Aosta e le province autonome di Trento e Bolzano perché nel dataset fornito dal ministero non erano presenti informazioni rispetto a questi territori.

I dati utilizzati da Wired sono stati forniti su base comunale e riguardano 2.546 comuni sugli oltre 6.700 sul cui territorio ha sede una scuola. Sulla mappa qui di seguito sono stati rappresentati i comuni presenti nel dataset fornito dal Miur.

Dashboard 1

Questi dati ci indicano che le scuole sono state focolai di diffusione di Sars-Cov-2 oppure hanno avuto un “ruolo marginale” nel diffondere il contagio?
Una risposta, in base ai soli dati forniti, non si può dare in quanti ci sono troppe variabili che andrebbero considerate come ad esempio le dimensioni delle aule, il numero di studenti per aula, il numero di studenti per ogni istituto ecc..
Oltretutto non possiamo verificare la vita extra scolastica degli studenti che potrebbe essere la fonte del contagio come ad esempio la propria famiglia.

Se volete cimentarvi anche voi nell’analisi statistica Wired mette a disposizione un file con i dati dei contagi nelle scuole, scaricabile a questo questo indirizzo.
Nel file, in formato xls, sono presenti i dati dei contagi totali al 31 ottobre 2020 suddivisi per provincia, comune e ciclo di studi (scuole elementari e medie o scuole medie superiori)

Se volete rendere più interessanti i vostri report potete accedere ai dati messi a disposizione dal MIUR sul Portale Unico dei Dati della Scuola accessibile a questo indirizzo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *